venerdì, settembre 02, 2005

fermiamo tutto

Leggo stamane che il sindaco o qualcosa di Genova ha proposto di fermare tutto ocme fece il football americano quando la situazione stava sfuggendo di mano.

Partendo dal presupposto che negli sport americani ci si ferma per una serrata dei proprietari è successo a metà degli anni 90 nel baseball e l'anno scorso nel NHL, non credo che si sia mai fermato il football: ricordo che a metà degli anni 80 ci fu la scelta di far giocare dei crumiri per un pezzo della stagione, e ricordando che le serrate avvengono sempre in caso di trattative per il rinnovo del contratto collettivo dei lavoratori si dovrebbe anche ricordare che la situazioen da noi è molto molto diversa rispetto a quella degli sport professionistici americani.

Laggiu le leghe sono dei club dove si entra pagando un fio alla lega: si devono portare garanzie in denaro e di pubblico, si deve dimostrare la propria solvibilità e la proprio rettitudine morale.
Ogni acquisto viene discusso dagli altri proprietari che danno l'ok.
Tutti i contratti sono regolati da un accordo collettivo sullo spartimento dei soldi e solo nel baseball le squadre possono spendere e spandere quanto vogliono.
Quando i proprietari ritengono che un altro luogo sia migliore per la loro squadra prendono baracca e burattini e si spostano è successo anche con realtà storiche come i raiders che da oakland si sono trasferiti a Los Angeles e con i Browns che si sono spostati da cleveland a baltimore cambiando nome.
E' successo lo stesso nell'hokey e nel baseball.
Laggiu si prendono tutti i soldi e li si dividono tra realtà che sono però quasi equipollenti: per quanto possano esistere squadre piccole e medie tutte devoo sottostare alle stesse regole che derivano soprattutto dal fatto che quelle squadre vivono in un regime di monopolio.
La lega è una sola e quindi possono farsi le regole e rispettarsele.
Nel panorama del calcio le leghe sono tante quanti gli stati e per poter pensare di fermare tutto per azzerare tutto lo si dovrebbe fare in tutta europa per evitare che il paese che si fermi si trovi con nulla in mano e che in due anni ci si ritrovi nella situazione pregressa.
Se il campionato di calcio si fermasse la fifa e la uefa credo impedirebbero alle nostre nazionali di partecipare anche alla coppa di gibilterra, se si fermasse tutto le televisioni vorrebbero indietro i loro pingui anticipi sui contratti televisivi, non ci sarebbero italiane nella champions league, i migliori giocatori troverebbero un posticino dove giocare all'estero e quelli un po meno bravi sarebbero a spazio disoccupati perchè se le squadre non possono giocare e quindi non possono guadagnare con che soldi potrebbero pagare i giocatori?

Quando nello sport americano si ferma tutto i giocatori non prendono soldi e per i più deboli vi sono delle casse di mutua assistena soprattutto perchè si ferma tutto per delle lotte sindacali in questo caso ci si fermerebbe per dare un po di ordine al sistema ma i giocatori sarebbero la parte lesa non una delle parti che stanno combattendo per un po di pecunia.

E le regole poi varrebbero solo per noiu che avremmo il campionato più pulito ( tse ) del mondo?
Non dovrebbero essere fatte a livello europeo per armonizzarci almeno all'interno dell'uefa?

Temo che per i denari in gioco per il volume di persone l'unica soluzione è una super lega del calcio europeo tipo mbl ( major league baseball), un club chiuso dove si entra ad inviti e poi una serie di leghe minori dove crescono i giocatori e dove le piccole città possono vivere il gioco a livello locale.

Lo so che è cinico ma alla fine la scala è quella e non possono esistere nello stesso campionato realtà come milano e bergamo senza sperequazioni a tutti i livelli.

Nel futuro le grandi città del calcio saranno milano torino napoli cagliari e poi tutte le altre perchè la mappa dei tifosi è chiara poi posso anche sbagliarmi, ma in un mondo dove conta il denaro delle tv questi sono mercati televisivi più importanti per tanti motivi.

Tornando alla domanda iniziale sul fermare tutto per me è impossibile ma se lo facciamo facciomolo con delle regole uguali per tutti e cercando di creare un sistema che stia in piedi e utopicamente dovremmo:

1 avere un unico contratto televisivo e i soldi vengono dati a tutti nella stessa misura
2 serie A a 16 squadre
3 tutti stadi da minimo 50 mila posti seduti e con tutti in comfort
4 tetto salariale basato sui guadagni di ciascuna squadra
5 impossibilità dei proprietari di ripianare i debiti di ciascuna squadra
6 nessuna sponsorizzazione singola solo sponsorizzazioni di gruppo di tutte le squadre della serie A italiana
7 i soldi dei giocatori venduti all'estero vengono divisi equamente tra tutte le squadre
8 un sistema per cui i migliori giovani vengono allevati a livello federale in centri regionali e ogni anno una bella lotteria per scegliere i migliori.
9 chi ha le scelte potrebbe anche comprarsi un giocatore che viene da un altro paese solo che non avendo soldi propri non lo potrà fare.

Avremmo un bel campionato autarchico solo di giocatori indigeni probabilmente una nazioanle molto più forte e sicuramente ci sarà un aumento degli abbonati ai campionati di calcio dove si vedono giocare i grandi campioni compresi i nostri.

cyrnano confusionario e infervorato

4 Comments:

Anonymous Anonimo said...

Io di calcio nn me ne intendo figuriamoci se so com'è in America
cmq mi pare che qua si stia cercando di fare un pò di confusione come se nn ce ne fosse già abbastanza.
Se si ferma il calcio... alleluiaaaaaaaaaa..... la tv nn sarebbe più monopolizzata da programmi calcistici e forse riusciremmo a vedere qualche cosa di decente.... BOMBAAAAAAAAAAAA
ecco stamani l'ho sparata! il calcio nn si fermerà mai perchè c'è troppi interessi intorno e bè in tv programmi decenti nn li vedremo mai nemmeno se togliessero tutte le programmazioni di adesso
anche qui ci sono le tv a pagamento che devono andare avanti
che caciara che c'è in giro...
smack smack smack al mio dolce nano
M.

10:03 AM  
Anonymous agrimony said...

di tutto questo discorso boh!mi son persa a metà quello che non capisco è perchè i tifosi devono distruggere la città e fermare i treni...per me dovrebbero prendersela con i proprietari della squadra che non rispettano le regole...

10:31 AM  
Anonymous LiberoBlog Staff said...

Gentile autore,
ti comunichiamo che il tuo post, visibile all'indirizzo http://liberoblog.libero.it/italia/bl1124.phtml, ritenuto particolarmente valido dalla nostra redazione, è stato segnalato all'interno di LiberoBlog, il nuovo aggregatore blog di libero.it

Pensiamo che questo ti possa dare maggiore visibilità sul web e presumibilmente maggiore traffico sul tuo blog, in quanto Libero.it è visitato quotidianamente da milioni di persone.

Nel caso tu fossi contrario a questa iniziativa, il cui fine è quello di segnalare ai nostri lettori i contenuti più validi rintracciati nella blogosfera, ti preghiamo di segnalarcelo via e-mail chiedendo la rimozione del tuo post dal servizio. Procederemo immediatamente.

Per saperne di più di LiberoBlog e sulla sua policy

http://liberoblog.libero.it/disclaimer.php

Per suggerimenti e critiche, non esitare a contattarci a questo indirizzo e-mail: blog.n2k@libero.it

Ringraziandoti per l'attenzione, ti porgiamo i nostri più cordiali saluti

LiberoBlog Staff

4:39 PM  
Anonymous alicetta said...

sono d'accordo con M... sai che bello niente più calcio la domenica e niente più trasmissioni solo sul calcio? ^__^ pura utopia, e che non me ne abbiano i tifosi...
ciao ciao

1:26 PM  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home